The news is by your side.

Ex rettore dell’Università dell’Aquila condannato a 2 anni e 6 mesi, è accusato di induzione indebita su collega

Oltre 200mila euro da Tiberti a Di Orio è la somma che compariva nella denuncia

2

L’Aquila. La Corte d’Appello di Roma ha condannato l’ex rettore dell’Università dell’Aquila, Ferdinando Di Orio, alla pena di due anni e mezzo di reclusione con l’accusa di induzione indebita nei confronti del professore dello stesso Ateneo Sergio Tiberti, con il quale in passato aveva buoni rapporti. I giudici di secondo grado hanno confermato le accuse del processo di primo grado quando il Tribunale di Roma aveva inflitto a Di Orio una condanna di tre anni di carcere, cinque di interdizione dai pubblici uffici per aver indotto Tiberti a consegnargli denaro non dovuto. La riduzione di pena di sei mesi, come ha sottolineato il difensore del docente, Giorgio Tamburrini, è stata causata dal fatto che alcuni reati sono andati prescritti. Il procuratore generale nella sua requisitoria aveva chiesto la pena di 2 anni e 11 mesi. I legali dell’ex rettore, Guido Calvi e Mauro Catenacci, hanno annunciato ricorso in Cassazione.

Tamburrini ha spiegato che il suo assistito avvierà la causa civile per il risarcimento danni. “Siamo soddisfatti perché la costruzione di primo grado è stata confermata in appello – ha detto ancora Tamburrini -. In primo grado l’ex rettore era stato condannato anche al risarcimento danni di circa 98 mila euro, alla confisca dei beni da parte dello Stato per equivalente e al pagamento delle spese legali. In origine erano 44 gli episodi di induzione indebita che sono stati contestate a Di Orio che in seguito alla condanna di primo grado, a causa della legge Severino, è stato sospeso dall’insegnamento e dallo stipendio in Storia della medicina. Oltre 200 mila euro in 10 anni da Tiberti a Di Orio è la somma che compariva nella denuncia del professore.

Articoli più letti

Ultimi articoli