The news is by your side.

#Essercisempre: La Polizia di Stato compie 169 anni (FOTO E VIDEO)

80

L’Aquila. Oggi la Polizia di Stato compie 169 anni e la ricorrenza coincide con il quarantesimo anniversario della Legge di riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza. Infatti, il 10 aprile 1981 veniva pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Legge n. 121 che ha determinato la trasformazione del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza in Polizia di Stato, avviando il processo di riforma che l’ha resa una polizia moderna, al passo con i tempi e con una forte identità civile.

Anche per l’anniversario del 2021, il tema celebrativo scelto  è  “esserci sempre” che, nell’anno della pandemia, ben si sposa con i compiti svolti dalle forze di polizia per salvaguardare la salute della nostra comunità.

A partire dal marzo 2020, l’emergenza sanitaria e le conseguenti restrizioni normative hanno indotto anche le donne e gli uomini della Polizia di Stato a modificare rapidamente e necessariamente il proprio pensare e agire, sia come rappresentanti dello Stato  sia come cittadini, travolti personalmente dalle difficoltà dovute alla diffusione del virus Covid-19.

L’ondata di forte disagio sanitario, economico e sociale ha investito l’intero Paese e la Polizia di Stato ha dovuto assumere il ruolo, non semplice, di custode della legalità e di controllore del rispetto delle regole, individuate a livello nazionale e locale, a difesa della salute di tutti i cittadini – soprattutto di quelli più deboli – in un difficilissimo bilanciamento tra i diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione e le necessarie restrizioni imposte dalla emergenza sanitaria ancora in atto.

Nel ridisegnare il proprio ruolo, la Polizia di Stato è scesa in campo a sostegno delle persone in difficoltà, portando aiuto e conforto, ma ha anche continuato, imperterrita, nello svolgimento dei  compiti istituzionali di prevenzione e controllo del territorio, di contrasto alla criminalità, di ordine e sicurezza pubblica, di polizia di prossimità, come dimostrano i dati riepilogativi, di seguito indicati, di un anno di attività svolta in Pescara e provincia, da tutte le articolazioni presenti sul territorio.

 

Purtroppo, per il secondo anno consecutivo, l’Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato che prima veniva organizzata in luoghi pubblici per essere più vicini alla comunità, è stato celebrato  “a porte chiuse”, con la sola deposizione della Corona al Sacrario della Questura, per commemorare tutti i Caduti della Polizia di Stato che hanno sacrificato la propria vita per salvaguardare la sicurezza dei cittadini.

La cerimonia si è svolta questa mattina, alle ore 09.30; il Questore Liguori ha accolto il Prefetto  Giancarlo Di Vincenzo, l’arcivescovo della Diocesi di Pescara-Penne Monsignor Valentinetti, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri Edoardo Gambardella e il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Vincenzo Grisorio.

Dopo la benedizione e la deposizione della Corona, il suono dell’Inno del Silenzio ha rimandato al sacrificio dei defunti della Polizia di Stato e di tutti coloro che, colpiti dal virus, hanno perso la vita in quest’ultimo anno.

Hanno partecipato il precedente Questore Francesco Misiti e il Vice Questore Leila Di Giulio, in quiescenza per sopraggiunti limiti di età rispettivamente dal 1 dicembre e dal 1 aprile 2021, ai quali è stato portato il saluto di commiato del Capo della Polizia.

 

Il Questore Liguori ha voluto ringraziare  alcuni cittadini conferendo loro l’attribuzione di “Cittadino Virtuoso”, in segno di gratitudine e di apprezzamento per il contributo apportato nel segnalare tempestivamente al 113 alcuni reati che si stavano perpetrando, fornendo indicazioni preziose che hanno permesso di individuare ed arrestare i presunti autori.

Se la Festa della Polizia si fosse svolta regolarmente, i cittadini premiati avrebbero potuto ritirare l’attestato durante la cerimonia, sfilando insieme alle donne e gli uomini della Polizia di Stato che ogni anno vengono insigniti di riconoscimenti per essersi distinti in attività di polizia. Un gesto semplice voluto per rinsaldare la fiducia riposta dalla gente nelle forze di polizia e nel  contempo sottolineare l’importanza della collaborazione dei cittadini che gioca un ruolo fondamentale a partire dai reati minori, quelli che avvengono ogni giorno e che colpiscono maggiormente le persone.

Per questa edizione, il Questore Liguori ha fatto consegnare la pergamena ai tre cittadini selezionati dai propri agenti che li hanno raggiunti sotto casa o davanti ai luoghi di lavoro, con l’auspicio di poter tornare presto a cerimonie in presenza.

Per due di loro, testimoni di un furto, la motivazione è stata: “notato che due uomini si erano dati alla fuga dopo avere perpetrato un furto all’interno dello spogliatoio di un palazzetto dello sport, li inseguiva avvisando immediatamente il 113, fornendo agli operatori di polizia ogni indicazione utile per la loro individuazione e il successivo arresto, dando prova di notevole senso civico e di non comune coraggio”. Avvenuto in Pescara, 19 gennaio 2021.

Il terzo cittadino prescelto è stato premiato con la seguente motivazione: “per avere contribuito al soccorso di una donna che stava subendo una violenta aggressione in strada da parte del compagno. Nel momento in cui l’uomo cercava di soffocarla schiacciandole un indumento sul volto, tentava di dissuadere l’aggressore prendendo tempo fino all’arrivo della Squadra Volante che lo traeva in arresto”. Avvenuto in Pescara, 22 dicembre 2020

 

Il Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini, incontrando ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha affermato che “noi siamo e saremo dove le nostre comunità ci vogliono vedere, tra la gente, laddove si esprime il nostro spirito di servizio per il quale tanti colleghi hanno sacrificato finanche la vita”. In linea con tale impegno, il Questore Liguori, in concomitanza con l’Anniversario della Fondazione e aderente al motto “essercisempre” , ha voluto intraprendere una importante iniziativa a sostegno dei cittadini in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo, prodigandosi affinché, a partire da oggi, la Polizia di Stato di Pescara possa fornire il proprio contributo alla campagna vaccinale destinata alla popolazione locale, in collaborazione con la ASL. Un modo per sottolineare il ruolo della Polizia di Stato, privilegiando il senso di umanità ed empatia,  ponendosi in aiuto delle persone, in particolare delle categorie più fragili.

Infatti, presso la Scuola per il Controllo del Territorio di Pescara diretta dal Primo Dirigente della Polizia di Stato Dr.ssa Lorena Di Felice,  è stata individuata una porzione della palestra in uso alle Fiamme Oro dove sono stati allestiti gli spazi destinati alle operazioni vaccinali.

A tal fine, il Questore Liguori ha stipulato un protocollo d’intesa con l’Azienda Sanitaria Locale che ha il compito di individuare le categorie destinatarie e fornire le dosi di vaccino.

Per ora la somministrazione è affidata al Medico Provinciale della Polizia di Stato, Medico Principale Dr.ssa Sara Cortese, unitamente a personale sanitario della Questura e della Scuola per il Controllo del Territorio.

La gestione di tutte le operazioni di accesso e permanenza nella struttura, secondo un percorso dedicato, vengono assicurate da uomini e donne della Polizia di Stato della Questura e da volontari della Croce Rossa Italiana di Spoltore e dell’Associazione “Donatori Nati”.

 

DATI RIEPILOGATIVI DELL’ATTIVITA’ SVOLTA – PERIODO MARZO 2020/FEBBRAIO 2021

 

La Festa della Polizia rappresenta il momento per trarre un bilancio dell’attività dell’anno di riferimento, funestato dal Covid 19, di fronte al quale la Polizia di Stato è stata chiamata da subito a dare una risposta per garantire sempre e comunque la sicurezza dei cittadini, assicurando il rispetto delle misure disposte per cercare di contenere la diffusione del virus, pur continuando a svolgere le quotidiane attività per rispondere alle legittime aspettative di sicurezza dei cittadini. Questo imperativo morale ha accompagnato e dato ulteriore forza, in ogni momento, alle donne e agli uomini della Polizia di Stato della Questura e di tutte le articolazioni esterne.

Dal 9 marzo 2020 al 31 marzo 2021, la Polizia di Stato di Pescara e provincia, al fine di vigilare e sul rispetto della normativa anti Covid -19, ha controllato più di 38mila persone sanzionandone 1.300 per le violazioni. Le attività commerciali controllate per accertare il rispetto dei protocolli di sicurezza delineati per la ripresa delle attività produttive sono stati oltre 400: di questi 50 sono stati sanzionati e 35 chiusi provvisoriamente per le violazioni commesse.

Il Covid-19 ha inciso sui dati con una diminuzione, in generale, sui più ricorrenti reati denunciati: nel periodo in esame ci sono stati meno reati contro la persona e meno furti e borseggi rispetto all’anno precedente. Le rapine, diminuite in abitazione, presso istituti bancari e nella pubblica via, sono aumentate dell’ 8,70% in esercizi commerciali. Le rapine complessivamente denunciate sono 93 a fronte delle 123 dell’anno precedente.

Nell’ambito delle attività di controllo del territorio, la Polizia di Stato ha continuato a svolgere servizi straordinari nelle aree del capoluogo di provincia connotate da criticità legate alla criminalità diffusa, allo spaccio di droga e all’immigrazione clandestina e il Questore Liguori, dal suo insediamento, ha disposto l’effettuazione dei predetti servizi anche nei Comuni della Provincia al fine di rafforzare le attività di prevenzione e contrasto all’illegalità.

La Questura di Pescara ha arrestato 183 persone e ne ha denunciate 1.290, a fronte delle 228 arrestate e 1.237 denunciate nell’anno precedente.

La Sala Operativa ha ricevuto 66.818 chiamate al 113 e la Squadra Volante ha effettuato 4.197 interventi con una media giornaliera di 12 chiamate;  nel periodo precedente, gli interventi erano stati 4.065 con la stessa media giornaliera.

Dalla comparazione dei dati emerge che tra marzo 2020 e febbraio 2021 è aumentata la quantità di droga sequestrata ed è stato più che raddoppiato, rispetto al periodo precedente, il numero delle persone controllate, salito da 6.531 a 15.237; inoltre, è stato quadruplicato il numero dei veicoli controllati, passato da 1.050 a 4.887.

La Divisione Polizia Anticrimine ha disposto diverse misure di prevenzione: 80 le persone sottoposte ad avviso orale e 70 quelle destinatarie di foglio di via obbligatorio dal Comune di Pescara.  Gli ammoniti per atti persecutori sono stati 17 di cui 16 per violenza domestica e 1 per stalking. Anche per le manifestazioni calcistiche, nonostante le partite della Lega PRO aperte al pubblico siano state sospese dall’8 marzo 2019, sono stati emessi 3 provvedimenti di accesso alle strutture sportive ove si svolgono manifestazioni sportive (DASPO).

Inoltre, a febbraio 2021, il Questore di Pescara Luigi Liguori, grazie alle possibilità concesse dalla nuova “norma Willy” (che prende il nome dal 21enne di Colleferro, pestato a morte nel corso di una rissa) che permette all’Autorità di Pubblica Sicurezza di applicare il DASPO anche a chi si rende protagonista di comportamenti particolarmente violenti all’interno dei locali di pubblico trattenimento, esercizi pubblici o nelle loro vicinanze, ha emesso, per la prima volta in questa provincia, la misura di prevenzione in argomento nei confronti di un minorenne, già denunciato in altre occasioni dalla polizia, che qualche settimana prima aveva partecipato alla rissa avvenuta fuori di un bar ubicato in zona “movida”.

 

Il Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica ha effettuato 114 sopralluoghi con una diminuzione del 30% rispetto al periodo marzo 2019/febbraio 2020.

La pandemia e la conseguente compromissione della libertà di circolazione, ha inciso negativamente sul numero di passaporti rilasciati, passati da 8.316 a 2.939.

L’Ufficio immigrazione ha rilasciato 3.926 permessi di soggiorno contro i 7.385 del precedente periodo.

Il Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo ha arrestato 8 persone e ne ha denunciate 170; ha controllato 10.294 persone e 32.849 veicoli.

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni ha tratto in arresto 166 persone e monitorato  ben 3.920 siti Internet.

La Sezione Polizia Stradale ha arrestato 5 persone e ne ha denunciate 185; ha rilevato 437 incidenti stradali di cui 104 con feriti e ritirato 137 patenti di guida.

La Polizia di Frontiera Aerea e Marittima ha controllato 9.464 passeggeri provenienti da paesi extra Schengen: nel periodo in correlazione, in situazione di normalità, ne aveva controllate 129.808.

L’XI Reparto Volo di Pescara ha effettuato 273 missioni per un totale di 241 ore di volo.

La Scuola Per il Controllo del Territorio ha formato 1.174 operatori della Polizia di Stato di ogni qualifica.

 

PRINCIPALI OPERAZIONI DI POLIZIA GIUDIZIARIA

 

Rilevanti il numero di arresti per reati concernenti le sostanze stupefacenti, in particolare, le  misure cautelari di diversa gravità, eseguite il 27 maggio dalla Squadra Mobile, in collaborazione con quella napoletana, nei confronti di 13 persone indiziate di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti nonché l’arresto eseguito il 9 ottobre, nei confronti di due fratelli pescaresi, A.A. e S.A., trovati in possesso di oltre 51 Kg di droga tra eroina, cocaina, hashish e marjuana.

Tra i reati contro il patrimonio, spiccano gli arresti di due persone, eseguiti il 22 settembre 2020, in esecuzione della misura della custodia cautelare in carcere disposta dal G.I.P. del Tribunale di Pescara, indiziati della rapina perpetrata il 04 gennaio 2020, in danno dell’Ufficio Postale di questa via Di Sotto, che ha fruttato 145 mila euro.

Va ricordato, anche se la sua carcerazione è avvenuta lo scorso 1 aprile, l’individuazione dell’autore di molte delle “spaccate” notturne, avvenute tra gennaio e marzo 2021, in danno di esercizi commerciali, ad opera di un giovane extracomunitario di origine marocchina: arrestato alcune volte in flagranza di reato  oppure denunciato in stato di libertà, è stato per ultimo colto in flagranza e dopo la convalida dell’arresto, il Giudice ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere.

 

ORDINE PUBBLICO

Sul piano dell’ordine e della sicurezza pubblica, il periodo di riferimento è stato fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria da Covid-19 che ha sospeso tutte le manifestazioni pubbliche ad eccezione del periodo estivo quando sono riprese ma con limiti per numero di partecipanti e modalità di svolgimento.

Solo nei primi due mesi del 2020, è stato possibile assistere agli incontri di calcio del Pescara, impegnato nel campionato 2019/2020 di Lega PRO. Tra le manifestazioni sportive organizzate nel periodo estivo, si ricordano la cronoscalata delle svolte di Popoli; la 73esima Edizione del Trofeo Matteotti e la 103esima Edizione del Giro d’Italia.

Da marzo 2020 ad oggi, l’Ufficio di Gabinetto della Questura ha predisposto numerosissimi servizi di vigilanza sul rispetto delle misure anti Covid-19 in attuazione delle direttive del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Inoltre, nella fase della ripresa, sono stati organizzati tutti i servizi di ordine e sicurezza pubblica per garantire il regolare svolgimento delle manifestazioni pubbliche consentite in forma statica, preavvisate da parte di operatori e rappresentanti di diverse categorie socio-economiche e sanitarie, al fine di richiamare l’attenzione sulle difficoltà economiche e occupazionali conseguenti all’emergenza epidemiologica e alle disposte misure anti-Covid.

Dietro questi dati, vi è l’impegno delle donne e degli uomini della Polizia di Stato che hanno svolto e continueranno a svolgere il loro compito quotidiano stando vicini ai cittadini, dimostrando grande responsabilità e senso di umanità, orgogliosi di appartenere a questa Amministrazione.

 

 

Articoli più letti

Ultimi articoli