The news is by your side.

Escursionisti scomparsi, sonde per monitorare la valanga lunga 600 metri (FOTO E VIDEO)

183

Massa d’Albe. Un’altra giornata difficile per le ricerche di Tonino, Valeria, Gianmarco e Gian Mauro. Le ricerche sono iniziate alle prime luci dell’alba e sono andate avanti per tutta la giornata con momenti di tensione e apprensione sia da parte dei soccorritori che delle famiglie presenti nel campo base allestito a Forme di Massa d’Albe.

In mattinata sono esplose le prime cariche per rompere una coltre di oltre 10 metri di neve. Si è cercato così di smuovere la neve e di perlustrare l’area intorno a Valle Majellama dove i quattro escursionisti sembra fossero diretti domenica mattina. 

Nei giorni scorsi si era parlato esclusivamente di tracce di scarponi, lasciando intendere che non erano equipaggiati per l’alta quota e che quindi non avrebbero potuto andare molto lontano. Oggi invece  è stato appurato che i quattro erano muniti anche di piccozze e ramponi, da utilizzare per la neve dura e per meglio percorrere il tragitto che avrebbero voluto compiere.

Un momento di emozione nel pomeriggio quando è arrivata la notizia che è stata trovata una traccia nell’ambito della perlustrazione da un cane del servizio del Soccorso alpino di Modena. Per oltre tre ore i soccorritori hanno scavato nel punto indicato dal cane senza però trovare elementi utili.

Con l’arrivo del buio sono state sospese le operazioni nella Valle Majelama. Domattina riprenderanno alle 7 le ricerche, che coinvolgono 60 unità del Soccorso Alpino e Speleologico giunte da tutta Italia, affiancate dalla Guardia di Finanza, dai Vigili del Fuoco, dalla Polizia e dal 9^ Reggimento Alpini di L’Aquila. Saranno impiegate anche le unità cinofile, addestrate al soccorso in caso di valanghe.

I tre elicotteri: del 118, dei Vigili del Fuoco e dell’aeronautica militare hanno trasportato gli uomini sul luogo della valanga, in prossimità della Valle del Bicchero, dove si stanno concentrando le ricerche. Nell’area della slavina, larga 200 metri, lunga 600 metri e con uno strato di neve che supera i 6 metri di spessore, si utilizzano anche strumenti elettronici e sonde.

GUARDA I VIDEO

 

Articoli più letti

Ultimi articoli