The news is by your side.

Elezioni, + Europa chiude la campagna elettorale al Caffè Berardo di Pescara

5

Pescara. «Noi di + Europa siamo espressione di una proposta elettorale autonoma, siamo l’unica lista in corsa per le politiche che mette al centro il disegno europeista perché crede fortemente nella realizzazione del progetto degli Stati Uniti d’Europa. Siamo la vera sorpresa di queste elezioni: il sogno di superare la soglia di sbarramento del 3 per cento e di entrare in Parlamento è vicino». Così Nico Di Florio, candidatocapolista alla Camera dei deputati nel collegio proporzionale Chieti – Pescara, chiude la campagna elettorale della lista + Europa con Emma Bonino. L’incontro conclusivo con i candidati in corsa alle elezioni del 4 marzo si è svolto oggi al Caffè Berardo di Pescara. Presenti anche Carlo Troilo, capolista al Senato nella circoscrizione Abruzzo, Michela Di Michele, candidata alla Camera dei deputati, Dario Bolini, segretario dei Radicali Abruzzo e candidato alla Camera dei deputati, ed Elena Fantoni, candidata alla Camera dei deputati.

«Il sogno di Ventotene sta per essere realizzato – aggiunge Nico Di Florio – la Francia e la Germania si sono finalmente decise a costituire una federazione leggera di Stati Uniti d’Europa. In questa campagna elettorale che gli altri partiti hanno incentrato sull’odio e sul tentativo di attribuire colpe a qualcun altro per trarne un vantaggio personale, noi siamo entrati nel merito dei problemi parlando di Europa e offrendo soluzioni positive, non promesse miliardarie senza coperture economiche. Vogliamo offrire agli italiani un’opzione seria, diversa da tutte le altre, per la crescita civile, sociale ed economica del nostro Paese perché crediamo fortemente che più Europa voglia dire più pace, sicurezza, diritti, crescita, cultura e libertà. Ma anche meno tasse e una distribuzione più equa del cuneo fiscale».

«Se dovessi diventare senatore – rimarca Carlo Troilo – chiederei di far parte delle commissioni che si occupano di turismo e ambiente per rilanciare e far decollare l’offerta abruzzese. Questa è una regione che ha tutto, unisce le potenzialità turistiche del Lazio e della Campania. Propongo di cominciare dalla realizzazione di piste ciclabili che qui sono carenti».

«Il movimento radicale – dice Dario Bolini, segretario dei Radicali Abruzzo e candidato alla Camera dei deputati – si è sempre ispirato a concetti liberali, spesso troppo all’avanguardia rispetto agli altri partiti, perché è abituato a guardare oltre e a puntare alla soluzione dei problemi, non alla loro reiterazione. Nei prossimi mesi abbiamo l’obiettivo di far nascere + Europa anche in Abruzzo, in modo da recuperare l’efficienza e la funzionalità, abbandonando le visioni chiuse, ma senza perdere di vista i concetti chiave».

«La nostra proposta – aggiunge Michela Di Michele, candidata alla Camera dei deputati – è in controtendenza rispetto agli altri partiti. In questa campagna elettorale non abbiamo fatto promesse di abbassamento delle tasse, nonostante una crisi economica senza precedenti. In giro vedo un preoccupante ritorno ai nazionalismi e alla volontà di trovare un nemico in comune. Se unisco i puntini mi si pone davanti uno scenario inquietante, che già in passato ci ha portato a bagni di sangue e distruzioni. Agli elettori chiediamo di fare una scelta in controtendenza: votare radicali per conquistare più diritti e un mondo migliore, perché in fondo chi è che non ha mai votato un referendum radicale?».

Articoli più letti

Ultimi articoli