The news is by your side.

E’ pescarese il nuovo vincitore di Master Chef Israel, grazie alla cucina abruzzese

25

Pescara. E’ uno chef italiano quarantenne il vincitore dell’edizione israeliana di Master Chef: Massimiliano Di Matteo, originario di Pescara ma per 17 anni residente a New York, ha sbaragliato un’agguerrita concorrenza e in un finale combattuta ha avuto la meglio sugli altri finalisti, la 51enne di Gerusalemme Rachel Ben Eloul e Lamacibo Shehadeh, 31enne arabo-israeliana nata a Nazareth ma trapiantata a Tel Aviv. Incredula la reazione del ‘Master Chef’ italiano che non ha nascosto la sua sorpresa: “Ancora non me ne capacito”, ha confessato. Proprio grazie alla cucina, Di Matteo nel 2001 incontrò a New York la sua futura moglie, Yonit: entrambi lavoravano per due ristoranti vicini, il tempo di conoscersi, innamorarsi e sposarsi, prima di decidere di trasferirsi un anno fa in Israele, a Modiin, insieme ai tre figli. Presentandosi in un “mix di inglese, italiano e incerto ebraico”, come ricorda il Jerusalem Post, il giovane chef ha attinto a piene mani alle tradizioni gastronomiche della sua terra abruzzese, come dimostra il risotto con castagne, pecorino e vino rosso che ha preparato ai giudici in una delle prima puntate. Una scelta vincente che ha impressionato positivamente i giudici, “ho messo il cucchiaio in bocca, ho chiuso gli occhi e mi sono sentito in un altro luogo”, ha confessato Eyal Shani in un’occasione. E proprio guardando alla sua radici Di Matteo ha deciso di trasferirsi nello Stato ebraico: in un’intervista è stato lui stesso a spiegare che l’intenzione era di “portare una novità, la nostra cucina regionale e i nostri prodotti, quasi nessuno conosce l’Abruzzo” in Israele. Da qui, anche la decisione di partecipare alla trasmissione, molto seguita, cosi’ “ho la possibilità di parlare dell’Abruzzo, del nostro cibo e tradizioni e allo stesso tempo farmi conoscere”.

Articoli più letti

Ultimi articoli