The news is by your side.

Decreto Dignità: il deputato abruzzese Antonio Martino (FI) nominato nel comitato dei nove

29

L’Aquila. Il deputato di Forza Italia eletto nel collegio della provincia dell’Aquila Antonio Martino, capogruppo azzurro nella commissione Finanze e Tesoro, è stato indicato a far parte del Comitato dei nove sul tema del decreto Dignità che sarà in discussione alla Camera dei deputati. Il Comitato dei nove, sette al Senato, è nominato dalla commissione competente per materia “in modo da garantire la partecipazione della minoranza”: i nove parlamentari sono seduti di fronte al Governo. “L’indicazione da parte del mio partito nel comitato dei nove fa molto piacere perché è il segno che continua il percorso di crescita in seno alla istituzione dopo l’ elezione alle politiche del 4 marzo scorso – spiega il 42enne imprenditore alla sua prima esperienza in Parlamento -. La mia presenza aumenta il senso di responsabilità verso la collettività in quanto nel decreto Dignità ci sono molte cose da cambiare per il bene dei cittadini e del Paese. Lo faremo presente con puntualità di contenuti e con garbo istituzionale sperando, tra l’altro, che gli input possano essere recepiti dai nostri alleati della Lega, che hanno vinto alle politiche con la coalizione di centrodestra e che ora governano con i pentastellati” – conclude il deputato. Il Comitato si riunisce con la partecipazione del presidente della commissione competente per materia e ha il compito di esaminare gli emendamenti e sub-emendamenti, formulare, per il tramite del relatore, il parere della commissione sugli stessi, provvedere, qualora ne ravvisi l’opportunità, a proporre modificazioni degli emendamenti e sub-emendamenti o a elaborarne nuovamente il testo. Sia alla Camera che al Senato la commissione competente, rispettivamente attraverso il comitato dei nove o dei sette, può presentare emendamenti e sub-emendamenti fino al momento immediatamente precedente l’inizio della votazione dell’articolo cui si riferiscono. Serve a coordinare i lavori, durante il dibattito in aula, quando per esempio ci sono tanti emendamenti e serve qualcuno che coordina. Se un decreto è molto complesso il comitato fa delle sintesi che poi riporta in aula.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli