The news is by your side.

DarkSide, al GSSI dell’Aquila il meeting internazionale sulla ricerca della materia oscura nell’Universo

2

L’Aquila. Dal 5 al 9 marzo il GSSI – Gran Sasso Science Institute – ospiterà il General Meeting della Collaborazione scientifica DarkSide.  Scienziati provenienti da tutto il mondo saranno a L’Aquila per discutere dei recenti risultati e dei prossimi passi nella ricerca della materia oscura nell’Universo. L’evento è promosso dal GSSI, dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare INFN e dalla Princeton University e riunirà esperti delle più prestigiose realtà internazionali del campo.  Nel primo giorno, gli interventi riguarderanno le operazioni in corso con il rivelatore prototipo DarkSide-50 e i suoi risultati presentati lo scorso mese all’UCLA in California. La Collaborazione DarkSide ha appena pubblicato i risultati di tre anni di presa dati di DarkSide-50. Tra questi, il miglior limite di esclusione per la materia oscura per masse basse (sotto 8 GeV/c2). Gli ultimi tre giorni saranno dedicati al lancio del progetto DarkSide-20k, il più ambizioso programma di ricerca sulla materia oscura mai ideato, che sarà allestito nei laboratori sotterranei dell’INFN al Gran Sasso. Il successo di DarkSide-20k richiederà lo sviluppo e lo sfruttamento di nuove tecnologie per la purificazione dell’argon, per la produzione di fotosensori a base di silicio e per la produzione di materiali puri, producendo ovviamente delle ricadute importanti sulle industrie locali, sull’economia locale e sullo sviluppo di nuovi campi di applicazione di queste tecnologie.  Info al link.

Lo scorso febbraio è giunta alla firma la convenzione tra Regione Abruzzo e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per il Masterplan relativo al Progetto DarkSide-20k. Obiettivo dell’intervento è creare una sinergia tra il mondo scientifico e l’impresa con il coinvolgimento diretto dei LNGS dell’INFN, il GSSI e l’Università degli Studi dell’Aquila. Il Progetto DarkSide sarà guidato da Cristian Galbiati, dal 1 marzo Professore del Gran Sasso Science Institute. La news integrale è disponibile sul sito www.gssi.it al seguente link:

Articoli più letti

Ultimi articoli