The news is by your side.

Covid: aumento dei ricoveri in Abruzzo, peggiora l’Aquilano

Oggi solo 19 casi, ma con pochissimi tamponi. 438 contagi nella sola giornata di ieri.

1.352

Pescara. Solo 19 i nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Ma sono emersi da un numero bassissimo di tamponi: 327. Negli ultimi sei mesi i laboratori regionali non erano mai scesi
sotto quota mille test processati in 24 ore, ad eccezione dei giorni festivi durante il periodo natalizio, quando comunque il dato era sempre stato superiore a 200.

È risultato positivo il 5,81%, quindi, dei campioni. Più significativi i dati di ieri: 438 nuovi casi, emersi da 4.999 tamponi (tasso positività 8,76%). Sette i decessi recenti, quattro oggi e tre ieri: il bilancio delle vittime sale a 2.173. In aumento i ricoveri, che passano dai 644 di sabato ai 666 di oggi.

La situazione peggiora rapidamente nell’Aquilano (ieri 191 nuovi casi, oggi 12), dove l’incidenza settimanale dei casi per centomila abitanti torna a superare quota 210, a fronte di una soglia di allarme di 250. Nel Pescarese i nuovi casi, invece, sono stati cinque oggi e 53 ieri, nel Teramano due oggi e 96 ieri, nel Chietino zero oggi e 88 ieri. Gli attualmente positivi sono 10.716 (-12): 596 persone sono ricoverate in area medica (+11) e 70 in terapia intensiva (+1).

Ieri la variazione era stata pari a +12 per l’area non critica e a -2 per le rianimazioni. Il tasso di occupazione dei posti letto di area medica torna al 40%, valore considerato quasi soglia di allarme. Quello relativo alle terapie intensive, 32,5%, resta al di sopra del valore limite del 30%. Gli altri 10.050 attualmente positivi (-24 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare. I guariti sono 53.724 (+27 oggi e +6 ieri).

Articoli più letti

Ultimi articoli