The news is by your side.

Costa teramana, si pensa ad una rete di bike sharing da integrare con la rete dei trasporti pubblici

3

Teramo. I Comuni della costa teramana si sono incontrati ieri a Silvi, ente capofila dell’Associazione temporanea di scopo, per esaminare i progetti da presentare a finanziamento per il “miglioramento della qualità degli spazi urbani e della vita dei cittadini”. All’incontro ha partecipato la consigliera delegati ai progetti costieri Beta Costantini insieme al settore Urbanistica della Provincia. Argomento dei confronti di ieri un sistema pianificato di bike sharing che integrerebbe tutta la costa teramana. “Uno strumento di mobilità sostenibile che ben si adatta alla mobilità costiera e che potrebbe essere integrata con la rete di trasporto – afferma la consigliera – l’idea è quella di incentivare l’utilizzo delle biciclette condivise per i viaggi di prossimità dove il mezzo pubblico non arriva o non può arrivare”.

Sempre ieri la consigliera Beta Costantini ha partecipato anche alla Festa della Bandiera Blu alla Torre di Cerrano; in questa occasione sono stati presentati i risultati del progetto “Salva acque 2018” che trova fondamento nel “contratto di Fiume” sottoscritto dalla Provincia di Teramo insieme alla Regione Abruzzo, Comuni di Silvi, Pineto e Atri e  l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano. Obiettivo del lavoro è stato quello di fornire dati e informazioni ambientali utili per predisporre azioni congiunte finalizzate al miglioramento degli ecosistemi acquatici e terrestri, incrementare le fasce ripariali e ridurre i rischi di inquinamento. “Non è un caso che il Presidente abbia istituito la delega ai progetti dei comuni costieri – continua la consigliera Beta Costantini – la Provincia crede nella forza della rete e forse i tempi sono maturi per lavorare ad un brand unico della costa visto che anche per ottenere finanziamenti è indispensabile presentarsi con formule aggregate”.

Articoli più letti

Ultimi articoli