The news is by your side.

Coronavirus, la testimonianza del direttore di La Stampa Giannini dalla terapia intensiva

73

L’Aquila. Molti i volti noti dello sport e dello spettacolo contagiati in questi mesi dal Covid-19. Tra questi il giornalista e scrittore, nonchè direttore del giornale “La Stampa” Massimo Giannini che ha raccontato la sua esperienza diretta in un editoriale. “Quando sono entrato in questa terapia intensiva, cinque giorni fa, eravamo 16, per lo più ultrasessantenni. Oggi siamo 54, in prevalenza 50/55enni. A parte me, e un’altra decina di più fortunati, sono tutti in condizioni assai gravi: sedati, intubati, pronati. Bisognerebbe vedere, per capire cosa significa tutto questo. Ma la gente non vuole vedere, e spesso si rifiuta di capire”.

L’editoriale di Giannini, apparso questa mattina sul quotidiano stesso continua: “Oggi “festeggio” quattordici giorni consecutivi a letto, insieme all’ospite ingrato che mi abita dentro – fa sapere Giannini -. Gli ultimi cinque giorni li ho passati in terapia intensiva, collegato ai tubicini dell’ossigeno, ai sensori dei parametri vitali, al saturimetro, con un accesso arterioso al braccio sinistro e un accesso venoso a quello destro”.

Articoli più letti

Ultimi articoli