The news is by your side.

Coronavirus, da oggi 41 comuni dell’Abruzzo in zona rossa: cosa si può fare e cosa no

663

L’Aquila. Sono 41 i Comuni in Abruzzo che da oggi entrano in zona rossa per volere del presidente della Regione Marco Marsilio.

Il Cts regionale ha valutato, nell’unità riunita venerdì, come critica la situazione nella provincia dell’Aquila e in particolare nella Marsica a causa dell’aumento dei contagi. I comuni in zona rossa nella Marsica sono Avezzano, Celano, Pescina, Cerchio, Carsoli, Oricola, Pereto, Rocca di Botte, Sante Marie, Tagliacozzo, Cappadocia, Magliano dei Marsi, Scurcola Marsicana, Castellafiume, Capistrello, Canistro, Civitella Roveto, Morino, San Vincenzo Valle Roveto, Balsorano, Civita d’Antino, Luco dei Marsi, Trasacco, Aielli. Ci sono poi nella provincia Barisciano, Poggio Picenze, Fossa, Ocre, Sant’Eusanio Forconese, Villa Sant’Angelo, San Demetrio ne’ Vestini, Fagnano Alto, Prata d’Ansidonia, San Pio delle Camere, Caporciano, Navelli e Collepietro.

Di seguito l’elenco completo dei comuni soggetti a maggiori restrizioni che con la nuova ordinanza diventeranno zona rossa e quelli che escono dalle misure restrittive.

Provincia di Chieti: esce dalle restrizioni il Comune di Lentella.

Provincia di Pescara: escono dalle restrizioni i Comuni di Collecorvino, Roccamorice e San Valentino in Abruzzo Citeriore
Provincia dell’Aquila: esce dalle restrizioni il comune di Pratola Peligna. Sono in zona rossa i Comuni di Avezzano, Celano, Pescina, Cerchio, Carsoli, Corfinio, Oricola, Pereto, Rocca di Botte, Sante Marie, Tagliacozzo, Cappadocia, Magliano dei Marsi, Scurcola Marsicana, Castellafiume, Capistrello, Canistro, Civitella Roveto, Morino, San Vincenzo Valle Roveto, Balsorano, Civita d’Antino, Luco dei Marsi, Trasacco, Aielli, Barisciano, Poggio Picenze, Fossa, Ocre, Sant’Eusanio Forconese, Villa Sant’Angelo, San Demetrio ne’ Vestini, Fagnano Alto, Prata d’Ansidonia, San Pio delle Camere, Caporciano, Navelli e Collepietro.

Provincia di Teramo: escono dalle restrizioni i Comuni di Sant’Omero, Sant’Egidio alla Vibrata, Alba Adriatica, Canzano e la frazione di Pietralta nel Comune di Valle Castellana. Sono in zona rossa i Comuni di Martinsicuro, Colonnella e Nereto.

COSA SI PUO’ FARE:

Scuole

Asili nido, scuole per l’infanzia e scuole primarie nei Comuni marsicani in zona rossa saranno regolarmene aperte. In base a quanto previsto dall’ultimo decreto del presidente Draghi anche nelle città e nei paesi posti in zona rossa la didattica da oggi rimarrà in presenza fino alla prima media.

La didattica a distanza sarà quindi attivata a distanza solo per gli alunni che frequentano le scuole medie e per gli studenti delle scuole superiori. Andranno invece a scuola i bambini dei nidi, delle scuole per l’infanzia e delle primarie di Avezzano, Celano, Pescina, Cerchio, Carsoli, Oricola, Pereto, Rocca di Botte, Sante Marie, Tagliacozzo, Cappadocia, Magliano dei Marsi, Scurcola Marsicana, Castellafiume, Capistrello, Canistro, Civitella Roveto, Morino, San Vincenzo Valle Roveto, Balsorano, Civita d’Antino, Luco dei Marsi, Trasacco e Aielli da oggi in zona rossa.

Chiusi parrucchieri ed estetiste. Non sarà possibile far visita ad amici e parenti, una volta al giorno, in massimo due persone.

Bar e ristoranti

In area rossa è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze.
Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue:
– dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni;
– dalle 18.00 alle 22.00, è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3).
La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.
È consentita, senza limiti di orario, anche la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti ivi alloggiati.

Attività Motoria

L’attività motoria all’aperto è consentita solo se è svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione. È obbligatorio rispettare la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossare dispositivi di protezione individuale. Sono sempre vietati gli assembramenti.

Spostamenti

Fino al 30 aprile 2021, in zona rossa sono consentiti esclusivamente i seguenti spostamenti:
– per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità (anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma);
– il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle “seconde case” ubicate dentro e fuori regione (si veda la FAQ specifica).
Gli spostamenti per far visita ad amici o parenti autosufficienti e, in generale, tutti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria non dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute sono invece vietati fino al 2 aprile e dal 6 al 30 aprile 2021.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli