The news is by your side.

Conosciuto sui social inizia a perseguitarla e a picchiare il figlio, arrestato stalker

2

L’Aquila. Si sono conosciuti sulla celebre piattaforma social Facebook quando hanno deciso di convivere a casa di lei per conoscersi meglio quando l’uomo, D.D.H., rumeno classe ’72, d’improvviso a cambiato atteggiamento rendendosi responsabile di gravi fatti pregiudizievoli della donna che lo ospitava. La vittima, una donna classe ’73, quando ha finalmente trovato la forza di parlare ha raccontato tutto ai carabinieri della Stazione di Cagnano Amiterno che, oltre a raccoglierne le dichiarazioni ed avviare una certosina attività investigativa, hanno fatto in modo di tutelare la vittima e far si che la stessa si fidasse degli operatori. I fatti risalgono a febbraio di quest’anno quando i due cominciano una relazione sentimentale culminata con la convivenza ma, dopo qualche settimana, l’arrestato, ingelositosi della donna, ha cominciato a porre in essere condotte tali da creare nella compagna uno stato ansioso e, talvolta, ad assumere comportamenti violenti come, in un caso, in preda all’ennesimo raptus di gelosia, devastando l’abitazione della donna rompendo mobili e suppellettili varie.

Le condotte dell’uomo non si sono fermate nemmeno quando la ormai ex compagna lo aveva costretto ad andare via di casa perché impaurita dall’atteggiamento dell’uomo. Questi, infatti, ha continuato anche con molestie e minacce anche al figlio della donna introducendosi addirittura di nuovo in casa della donna furtivamente. In quest’ultima circostanza la vittima si è finalmente rivolta ai Carabinieri del luogo che immediatamente hanno posto in essere una serie di attività volte ad allontanare l’uomo dalla donna e a far si che quest’ultima potesse riacquisire la serenità ed una regolarità di vita ormai perduta. Grazie all’autorevole guida investigativa della Procura della Repubblica dell’Aquila, si è quindi riusciti ad acquisire elementi tali da ricostruire un quadro probatorio che hanno portato all’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita proprio nella giornata di ieri. L’Arma dei carabinieri continua, con tutti i suoi presidi, a sensibilizzare tutta la popolazione a segnalare qualsiasi caso di atti persecutori, violenza di genere o domestica al fine di evitare che i reati vengano portati ad ulteriori conseguenze e a tutelare le parti offese che il più delle volte si identificano anche in minori, vittime inconsapevoli di questi delitti.

Articoli più letti

Ultimi articoli