The news is by your side.

Com’è lavorare per Elite Surgelati? Lo abbiamo chiesto ai protagonisti

96

Quando si parla bene di un’azienda, si è spesso curiosi di sapere cosa ne pensano i diretti interessati; ovvero coloro che la vivono quotidianamente. Abbiamo fatto questo esperimento con Elite Surgelati, intervistando uno dei dipendenti della realtà marsicana, addetto alle consegne e alla tentata vendita dei prodotti.

“Cosa mi piace del mio lavoro?”, ci ha raccontato, “in primo luogo, la possibilità di instaurare delle relazioni di amicizia con tutti i clienti. Per fare bene questo mestiere devi essere in grado di allacciare dei rapporti, o meglio, è un aspetto che si sviluppa in maniera naturale dal momento che si entra in contatto con numerose persone. A me personalmente, ad esempio, è capitato di fare conoscenza con una signora di un paese marsicano con la quale prendo spesso un caffè o scambio due chiacchiere dopo la consegna”.

“Sono felice di lavorare con Elite Surgelati”, ha continuato, “anche perché siamo una famiglia. Con i colleghi ci sentiamo spesso, c’è armonia e ci aiutiamo l’un con l’altro. Lavorare in un ambiente caratterizzato da battibecchi e polemiche non è costruttivo e non ti fa vivere in maniera serena. Le nostre richieste vengono sempre ascoltate e si trovano sempre delle soluzioni che riescano a soddisfare le esigenze di tutti”.

“Un’ultima sfaccettatura del lavoro che lo rende particolarmente piacevole”, ha concluso, “è l’opportunità che dà nello scoprire posti sempre nuovi. Con i nostri furgoncini giriamo il centro Italia e per effettuare le consegne ci spostiamo da una parte all’altra della nostra regione e non solo, visitando (anche se solo di sfuggita) i tesori che la nostra terra ci offre”.

LE FOTO DEI FURGONCINI ELITE SURGELATI IN GIRO PER IL CENTRO ITALIA.

#adv #advertising

 

Articoli più letti

Ultimi articoli