The news is by your side.

Canapa ad uso terapeutico: l’Enecta, azienda italo-olandese, investe in Abruzzo e coltiverà otto ettari

20

L’Aquila. Enecta, azienda italo – olandese guidata da due giovani imprenditori italiani, Marco Cappiello e Jacopo Paolini, investe in Abruzzo. Nel prossimo mese verranno coltivati circa otto ettari di Canapa e la zona scelta è quella della Valle Subequana in cui le particolari condizioni climatiche, temperature miti di giorno e basse di notte, creano uno status di “sofferenza” alla pianta che tenderà a sviluppare più resina, più CBD rispetto a condizioni climatiche con temperature costanti. La Canapa fa parte della famiglia della Cannabis ed è proprio in questo gruppo di piante che troviamo diverse molecole/composti chimici chiamati “Fitocannabinoidi”. Il CBD, a differenza del THC, non ha effetti psicoattivi e sempre più persone ne stanno apprezzando le caratteristiche e i benefici e gli studi scientifici a supporto né dimostrano la validità.

Il potenziale terapeutico del CBD ha attratto il mondo della Scienza ed è già stato utilizzato in diversi studi per il trattamento di numerose problematiche di salute ed oggi è riconosciuto tra gli elementi principali della “Cannabis Medica”.  “Siamo molto soddisfatti di questa prima coltivazione che sta partendo in Abruzzo – afferma Marco Cappiello Cmo di Enecta – in un settore emergente che può portare una ventata di novità importante nel mercato italiano. Siamo noi stessi a produrlo, i semi che verranno coltivati tra qualche giorno sono registrati dalla UE all’interno di un circuito controllato”.

Articoli più letti

Ultimi articoli