The news is by your side.

Bombardamenti Pescara del ’43, centrodestra: no a festicciola per la celebrazione dell’avvenimento

10

Pescara. “Riteniamo si siano dette sin troppe sciocchezze sulla scelta compiuta dal centrodestra che, molto più semplicemente, ha deciso di promuovere un momento di celebrazione solenne diverso da quello che il Comune di Pescara ha deciso di appaltare all’Anpi solo perché abbiamo ritenuto assolutamente inopportuno, inadeguato e improprio la tipologia di ‘festicciola’ promossa per l’edizione 2018”.

A chiarirlo i gruppi consiliari di centrodestra, Fi, Pescara Futura, Fratelli d’Italia e Lega che, con Azione Politica, e con le Associazioni cittadine ‘Pescara – Mi piace’ e ‘Pescara nel Cuore’ hanno commemorato i bombardamenti del 31 agosto 1943 con una manifestazione alternativa a quella istituzionale del Comune.

“Facciamo difficoltà a capire”, aggiungono in una nota, “cosa c’entrino le biciclettate, con annesse ‘pizzette e birrette’, con una commemorazione che doverosamente doveva essere silenziosa e moralmente partecipata; abbiamo difficoltà a capire cosa c’entrino le teatralizzazioni in strada, peraltro raccontando con molta imprecisione e approssimazione i fatti in questione”.

“L’Anpi”, puntualizzano, “non ha inventato la cerimonia di ricordo di quell’avvenimento. Il Comune di Pescara ha sempre istituzionalmente onorato il ricordo dei Caduti, anzi: è stato Armando Foschi, all’epoca consigliere comunale di Alleanza nazionale, a firmare e presentare la mozione approvata il 29 novembre 1999, amministrazione di centrodestra del sindaco Carlo Pace, per chiedere al Presidente della Repubblica il conferimento alla nostra Città della Medaglia d’oro al merito civile per le ferite morali di quei bombardamenti, Medaglia che effettivamente ci è stata conferita in modo solenne l’8 febbraio 2001, sempre con l’amministrazione Pace.

E a provarlo non ci sono le chiacchiere di sedicenti storici, ma atti e documenti facilmente rintracciabili. Ogni anno, durante le celebrazioni, non c’era solo la deposizione della corona, ma anche il suono della sirena e ricordare l’ora esatta dei bombardamenti. Ci sembra strano che a uno storico dell’Anpi siano sfuggiti dettagli macroscopici di tale rilevanza”.

Articoli più letti

Ultimi articoli