The news is by your side.

Bimbi schiavi dei device, il 50% passa più di 3 ore davanti lo schermo. Sos condivisione

2

L’Aquila. Il Natale e’ ormai alle porte, e come sempre costituisce una delle migliori occasioni per poter trascorrere piu’ tempo con la propria famiglia e con i figli, tendenza che purtroppo sta andando diminuendo: da una ricerca commissionata da Duracell e’ stato infatti rilevato che i bambini passano sempre piu’ tempo con i device (table, pc ecc), riduceportrait boyndo di molto i momenti di condivisione con amici e genitori. Ecco le evidenze rilevate nella regione Abruzzo: il 50% dei bambini al di sotto dei 10 anni trascorre circa 3 ore e mezza del proprio tempo davanti a uno schermo; il 93% delle famiglie utilizzano tablet e smartphone con i propri figli; quasi il 64% delle famiglie intervistate in Abruzzo si dichiara disponibile ad accogliere un’alternativa diversa dal gioco digitale, che contempli il gioco attivo con il bambino; i giochi “non digitali” preferiti in Abruzzo: le costruzioni (50%), andare in bicicletta (53%) disegnare (36,7%). I primi tre luoghi sacri “non digitali” nelle case abruzzesi sono rappresentati dalla vasca da bagno (50%), dai servizi igienici (43%) e dal letto (43%), mentre la tavola e’ solo per il 20% delle famiglie il luogo in cui i device dovrebbero essere sempre off limits. A commento di questo studio, lo psichiatra e psicoterapeuta Raffaele Morelli ha affermato: “I risultati della ricerca ci portano ad affrontare un fenomeno nuovo, ma non inaspettato. I giochi digitali rappresentano una valida alternativa, se utilizzati per periodi limitati di tempo. Le due dimensioni possono e devono coesistere. Il gioco attivo implica un’attivita’ reale e concreta, attraverso la quale i bambini comprendono come far funzionare le cose e che da una loro azione puo’ scaturire un effetto concreto. Il gioco attivo non e’ solo un passatempo, serve proprio per potenziare le loro capacita’ innate, che sono immense”.

Articoli più letti

Ultimi articoli