The news is by your side.

Bilancio, Marcozzi (M5S): il Defr del centrodestra era corretto a penna e pieno di imprecisioni

9

L’Aquila. “In occasione della prima giornata della sessione del bilancio della regione Abruzzo, abbiamo assistito a modalità di presentazione di documenti che non sarebbero potuti uscire nemmeno dalla fantasia di uno scrittore, per tutta l’improvvisazione con cui sono stati scritti. Non fosse che ci troviamo di fronte al documento più importante per il futuro della nostra regione, verrebbe da dire che ci siamo trovati nel pieno di un racconto di fantasia, come fosse Il curioso caso del Defr olografo”. Lo afferma il capogruppo M5S, Sara Marcozzi, al termine della prima giornata della sessione bilancio della regione Abruzzo.

“Il centrodestra ha infatti confermato una volta di più tutta la propria impreparazione nel redigere atti credibili” continua Marcozzi. “Oltre ad averci presentato, in ritardo, un documento zeppo di imprecisioni, non si sono fatti remore neppure a inserire modifiche a penna. Si tratta di un comportamento grottesco, che la dice lunga sia sulla serietà con cui questa maggioranza affronta le questioni fondamentali per il futuro della propria gente, che sulla leggerezza con cui amministrano i soldi degli abruzzesi, aggiungendoli e togliendoli dal Defr come fosse l’elenco della spesa”.

“Ma ciò che lascia ancora più allibiti è il contenuto di questi pizzini. Infatti hanno inserito la promessa di approvazione e finanziamento di proposte di legge, quasi tutte operazioni bandiera della propaganda leghista, mai discusse in commissione. Niente di più inadeguato. Tutto ciò certifica la presenza di una maggioranza evidentemente spaccata dall’interno, costretta a rammendare a destra e a manca il documento di economia e finanza e il bilancio per mettere tutti d’accordo, anche dopo l’approvazione del Defr in giunta” prosegue il capogruppo M5S.

“Ormai abbiamo compreso che tenere l’equilibrio tra tutti i partiti coinvolti nell’ammucchiata della maggioranza è un’impresa quasi impossibile. Lo hanno già dimostrato litigando per il conferimento dell’incarico al componente della sezione di controllo della corte dei conti abruzzese, scelto peraltro in maniera, a nostro avviso, illegittima attraverso una nomina (e non una designazione, come la legge richiederebbe) imposta dal presidente del consiglio regionale e non legittimata dalla dovuta votazione del consiglio stesso. Lo confermano adesso coprendo maldestramente dei dissidi interni visibili ad occhio nudo. La sola cosa che possiamo sperare è che questi due punti di frizione non siano collegati l’uno all’altro per ritrovare serenità interna al centro destra. L’unica certezza che abbiamo è che la sessione bilancio, fin dalle prime ore, ha confermato tutte le osservazioni sull’inadeguatezza della maggioranza che ormai da mesi denunciamo. Noi continueremo a vigilare affinché i soldi di tutti gli abruzzesi siano amministrati al meglio” conclude Marcozzi.

Articoli più letti

Ultimi articoli