The news is by your side.

Banca degli occhi del San Salvatore, nel 2015 trapiantate 112 cornee

5

L’Aquila. 139 cornee, nel 2015, hanno superato la severa selezione di ‘garanzia’ della Banca degli occhi di L’Aquila, l’unica struttura in Abruzzo capace di stabilirne l’idoneità al trapianto. Delle  139 cornee adatte al reimpianto, tuttavia, non è stato possibile utilizzarne 83 perché i congiunti dei cari deceduti in Abruzzo non hanno dato il consenso all’espianto. La Banca degli occhiAl netto di questi passaggi lo scorso anno in Abruzzo i donatori idonei, deceduti in ospedali della Regione (la maggioranza) e del Molise,  sono stati 56 e il loro estremo atto d’amore ha permesso di prelevare e  trapiantare 112 cornee. Operazioni finalizzate non a salvare la vita dei malati ma a migliorarne nettamente la qualità dell’esistenza. “E’ per questo”, dichiara Germano Genitti, direttore della Banca degli occhi di L’Aquila, “che occorre sensibilizzare al massimo la cultura della donazione e fare in modo che il numero delle cornee disponibili sia maggiore”.  I prelievi di cornee nella regione per il 70% vengono   compiuti all’ospedale di L’Aquila.   Esistono due livelli di controlli che mirano a dare il massimo dell’affidabilità sull’idoneità della cornea destinata al trapianto. La prima verifica la compie il medico che preleva l’organo, accertando che il donatore non sia affetto da quelle malattie (fissate a priori) che escludono il reimpianto. Questa prima scrematura viene seguita dall’analisi, estremamente approfondita e spinta sino ai più minuti dettagli, dei laboratori della Banca degli occhi. Un esame condotto con sofisticate tecnologie, che dura in media un mese, in cui la cornea prelevata viene passato al setaccio col microscopio sulle eventuali patologie recondite. Dopo l’ok della banca degli occhi, le cornee vengono trapiantate al San Salvatore o inviate agli altri ospedali per essere reimpiantate. L’attività della Banca degli occhi si inserisce in un gioco di squadra che coinvolge il centro regionale di riferimento dei trapianti di L’Aquila, diretto da Daniela Maccarone e il coordinatore regionale prof. Antonio Famulari. Il lavoro altamente selettivo della Banca degli occhi, di cui beneficiano tutti gli ospedali abruzzesi e molisani in cui si trapianta l’organo della vista –  spiega  perché il numero iniziale di donatori, validi sulla ‘carta’, si assottiglia dopo le verifiche d’idoneità.  Dei 112 trapianti del 2015, oltre 60 sono stati effettuati tra gli ospedali di L’Aquila e Larino (Molise) e il resto nei presidi della costa abruzzese. “La complessa selezione che eseguiamo in laboratorio per l’Abruzzo”, dichiara Genitti, “si giustifica col fatto che la cornea destinata al reimpianto deve essere totalmente immune da alcune malattie, come i tumori linfatici, patologie neurologiche e demenze come l’Alzheimer. Si tratta di uno screening estremamente scrupoloso che, oltre all’eventuale presenza di malattie, si estende  all’accertamento della  reale integrità del tessuto della cornea”. Va ricordato che la Banca degli occhi di L’Aquila appartiene alla succinta cerchia dei 9 centri d’eccellenza italiani in possesso del certificato di qualità Iso 9000:2008, rilasciata dal centro nazionale trapianti. Ogni anno, in Italia, vengono effettuati oltre 5.000 trapianti di cornea.

Articoli più letti

Ultimi articoli