The news is by your side.

Bambino ferito per difendere il suo gatto dall’aggressione di un cane randagio

13

Avezzano. Bambino ferito al volto mentre cerca di difendere la propria gatta dall’aggressione di un cane randagio. Marco ieri  si trovava con un amico, Antonio, in una zona di campagna a pochi metri da casa. I due erano arrivati lì in in bicicletta per trascorrere un pomeriggio all’aperto. Hanno socializzato con un cane randagio e verso le 17 sono tornati a casa seguiti dall’animale.

Arrivato a casa di Marco, dopo aver lasciato Antonio, il bambino ha superato il cancello davanti alla propria abitazione ed è entrato insieme al cane. Quando il  ha visto il gatto di Marco si è lanciato con foga su di lui,  lasciandolo a terra inerme. Nel frattempo il cancello si era richiuso e il bambino  è  corso in aiuto della sua gattina di 6 anni. Dopo aver sferrato un calcio al cane ha preso il gatto per toglierlo di mezzo.

Il randagio abbaiava molto forte ed era  aggressivo. Il gatto ferito si è aggrappato con le unghie al volto del bambino conficcandogliele sotto  all’occhio destro. Il vicino richiamato dalle urla (il padre di Marco era sotto la doccia e non si era accorto di niente) ha allontanato il cane e ha visto il gatto aggrappato sul viso del padroncino che perdeva sangue. Il bambino si è steso a terra sperando che  il gatto si calmasse e si staccasse da solo.

Per il gatto meticcio, alla fine, non c’è stato niente da fare. E’ morto nello studio del   veterinario a causa delle ferite riportate. Il bambino è stato medicato per le molte ferite riportate sul volto. L’unghia della gatta è stata rimossa dal volto gonfio e pieno di graffi. Dopo essere tornati a casa il cane, che era stato scacciato, è ritornato con in bocca un altro gatto. Il servizio di cattura e custodia dei cani vaganti è risalito dal microchip e poi alla provenienza dell’animale (Giulianova).

Articoli più letti

Ultimi articoli