The news is by your side.

Bagno di folla per Zingaretti all’Aquila. Per risolvere i problemi dell’Italia, subito grande alleanza intorno Pd

Duro attacco a Lega e 5stelle: costruisco consenso su illusioni

2

L’Aquila. “Meno male!”. Così il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, rispondendo all’Aquila a margine di un evento pubblico promosso dal Pd, alla domanda dei giornalisti sul fatto che in tanti convergono sulla sua candidatura alla segreteria del Partito Democratico. “Penso comunque che dobbiamo imparare a discutere senza litigare, la sconfitta elettorale del 4 marzo è stata drammatica. È da stupidi, da ipocriti, non ammetterlo – continua – però io credo che dobbiamo cambiare e rimetterci in cammino e voltare pagina. Chi sta governando oggi in Italia lo fa perché ovviamente ha vinto e si sono messi insieme, ma non credo che questa maggioranza sia la soluzione per gli italiani perché è troppo divisa, erano alternativi e hanno scritto un contratto ma questo contratto non lo stanno rispettando perché in realtà tante soluzioni sono alternative. Quindi bisogna cambiare e ricominciare”.

“Bisogna finirla come stanno facendo i Cinque Stelle e la Lega, di dare agli italiani illusioni. Bisogna offrire speranze e quindi progetti concreti per cambiare la vita. Bisogna finirla di cavalcare i problemi drammatici delle persone per chiedere voti, bisogna rimboccarsi le maniche per ritrovare soluzioni ai problemi delle persone. Questo lo può fare solo una grande alleanza intorno al Pd che cambia e si metta a combattere”. Ha proseguito Zingaretti

“Noi dobbiamo ricostruire una speranza per questo Paese, per l’Italia, dobbiamo competere con le grandi potenze mondiali, penso alla Cina, penso agli Stati Uniti, quindi nei territori dobbiamo unire le comunità produttive locali”. “Esistono – ha aggiunto Zingaretti – ovviamente le regioni, ma esistono i territori delle regioni e ci possono essere sinergie. Penso in questo caso al rapporto tra due entita’ che sono accanto come il Lazio e l’Abruzzo che divise, se non dialogano, non sfruttano fino in fondo le loro potenzialita’ come ad esempio alla mobilita’, ai trasporti, alla possibilita’ di vocazione turistica e quindi bisognerebbe rimboccarsi le maniche e lanciare questa sfida. Io sono stato appena rieletto – ha concluso il presidente della Regione Lazio – e quindi era importante mettere nell’agenda dopo alcuni mesi un appuntamento per iniziare questa fase”. Federico Falcone

Articoli più letti

Ultimi articoli