The news is by your side.

Famiglia a Berlino per esame dna, padre: ‘non dovrebbero esserci più dubbi su identità’

3

Sulmona. Sarebbe sulmonese l’italiana dispersa nell’attentato a Berlino. Potrebbe trattarsi di Fabrizia Di Lorenzo, 31 anni che vive e lavora nella capitale tedesca già da diversi anni. Il suo cellulare è stato trovato sul luogo dell’attentato. Solo oggi, quando la giovane non si è recata al lavoro, è scattato l’allarme. Questa notte la famiglia sarebbe stata contattata dalla Farnesina e la madre e il fratello sarebbero partiti immediatamente per Berlino per essere sottoposti all’esame del DNA. Solo dopo la comparazione del profilo genetico le sue condizioni potranno essere ufficializzate. Anche il padre che lavora alle poste italiane è in partenza: lo ha rivelato lui stesso ai colleghi che lavorano con lui nell’ufficio centrale di Piazza della Brigata Mariella andati a trovarlo a casa subito dopo la divulgazione della notizia. Il padre è partito da Roma alle 18.00. “Abbiamo capito che era finita stanotte all’una e mezza: siamo stati noi a chiamare la Farnesina, ma l’aiuto più grande ce lo hanno dato i carabinieri di Sulmona”. Lo dice affranto il padre di Fabrizia Di Lorenzo, Gaetano, contattato dall’ANSA. “Ci siamo mossi coi nostri canali, ma da quanto mi dice mio figlio da Berlino, non dovrebbero esserci più dubbi” afferma trattenendo a stento i singhiozzi Gaetano ­ “E’ lì con mia moglie in attesa del dna, aspettiamo conferme, ma non mi illudo”.

“Sin dalla tarda mattinata di oggi l’Ambasciata ha ricevuto e assiste i familiari”: lo ha detto l’Ambasciatore d’Italia a Berlino, Pietro Benassi, rispondendo a domande sulla presenza nella capitale tedesca di parenti di Fabrizia Di Lorenzo, la giovane di Sulmona dispersa dopo l’attentato col tir. L’ambasciatore si e’ riferito alla madre, Giovanna, e al fratello, Gerardo. “Non possiamo escludere che siano coinvolti cittadini italiani: i nostri sforzi e i nostri continui contatti con le autorita’ tedesche sono concentrati sulla verifica e la conferma del coinvolgimento della cittadina italiana Fabrizia di Lorenzo, attualmente dispersa”, ha premesso Benassi. “Ovviamente durante il processo di identificazione l’Ambasciata continua a vigilare sull’eventuale coinvolgimento di altri connazionali”, si e’ limitato ad aggiungere l’ambasciatore rispondendo alla domanda se i dispersi italiani possano essere più di uno.

­ “Al momento non si hanno notizie di una ragazza italiana, Fabrizia Di Lorenzo. Il suo cellulare sarebbe stato ritrovato vicino all’incidente. Di lei nessuna notizia. Nel 2014 collaborò con noi di Berlino Magazine. Abbiamo provato a contattare le conoscenze comuni che abbiamo, se avete notizie per cortesia scriveteci per rassicurare i parenti”. E’ quanto si legge da qualche ora sulla pagina Facebook di “Berlino Magazine”, pubblicazione online di cultura e attualità che si propone come ponte culturale tra la Germania e l’Italia. “In alto a sinistra vedete la sua foto, speriamo che qualcuno l’abbia vista dopo l’incidente senza alcun problema”. Tra gli articoli che Fabrizia ha scritto due anni fa per Berlino Magazine “L’azienda che assume più italiani a Berlino? È Zalando. Ecco perché” e “Italia e Germania si confrontano alla vigilia del semestre italiano di Presidenza del Consiglio Ue”.

Al momento dell’attentato con il tir a Berlino, Fabrizia Di Lorenzo stava acquistando i regali per le amiche e i parenti ai mercatini di Natale. La giovane era infatti attesa in Abruzzo, a Sulmona, per dopodomani; avrebbe trascorso le festività natalizie in famiglia. Lo rivelano le sue amiche con le quali Fabrizia era costantemente in contatto, anche attraverso i social. “Siamo disperate, nello sconforto, e non vogliamo credere che Fabrizia non ci sia più. Fino alla fino vogliamo pensare che dopodomani sarà qui con noi, a Sulmona, a ridere e scherzare”.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli