The news is by your side.

Assegnazione fondi infratrutturali CIPE, Grippa e Di Girolamo (M5S): in Abruzzo nuovi investimenti su infrastrutture stradale e ferroviaria

14

Roma. “Nella seduta dello scorso 24 luglio il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha assegnato nuove risorse destinate a finanziare progetti di investimento sulla rete ferroviaria e sulla rete stradale.
Il provvedimento ha riscontrato il positivo commento della senatrice Di Girolamo e della deputata Grippa che in tal senso affermano: “Siamo soddisfatte di questo stanziamento che vogliamo rivendicare poiché riteniamo essere il frutto anche delle nostre proposte da noi portate avanti con molto impegno, anche sollecitando gli enti affinché fosse tangibile una velocizzazione del processo di avvio delle opere infrastrutturali”.

Inoltre spiegano: “questi stanziamenti sono stati possibili nell’ambito della fase di aggiornamento dei Contratti di Programma RFI e Anas (2018-2019) che presto saranno sottoposti anche al vaglio delle commissioni trasporti di
Camera e Senato di cui siamo componenti e che per questo richiederà un ulteriore impegno da parte nostra”. Riguardo gli stanziamenti a beneficio delle infrastrutture del sud sul piano dell’ammodernamento e della sicurezza per gli utenti con particolare riguardo all’Abruzzo le due parlamentari aggiungono: “Sul fronte ferroviario
sono stati appostati 211 milioni di euro che permetteranno di completare il raddoppio della linea Pescara-Chieti e ulteriori 45milioni di euro (che si sommano ai 16,5 già stanziati) i quali verranno destinati all’elettrificazione della linea Terni-Rieti-L’Aquila-Sulmona. Riteniamo invece che molto ancora dovrà essere fatto per velocizzare la tratta più critica della Pescara-Roma, ovvero quella delle aree interne.”

Un impegno continuo quello delle due rappresentanti abruzzesi che stanno investendo molto del tempo del loro mandato parlamentare per gli interventi delle infrastrutture in Abruzzo, soprattutto sulla tratta ferroviaria Pescara – Roma che ad oggi può ritenersi la più critica. Infatti oltre agli interventi già individuati ma per i quali non erano stati appostati adeguati fondi, le parlamentari hanno chiesto formalmente a Rete Ferroviaria Italiana di rivedere progettualmente proprio questa parte della tratta.

Esattamente in merito a tali richieste dichiarano: “In questa seconda fase prendiamo atto di essere state ascoltate, perché riscontriamo un aumento degli stanziamenti rispetto agli anni precedenti, ma siamo in attesa che l’azienda ci presenti dei nuovi studi di prefattibilità, come avevamo richiesto, in grado di superare il gap infrastrutturale che contraddistingue il trasporto ferroviario abruzzese rispetto all’alta velocità che ormai serve l’intero nord Italia”.

“Sappiamo che non è un lavoro semplice da esaurirsi in pochi mesi, ma abbiamo innescato un nuovo processo che seguiremo passo dopo passo, affinché i cittadini d’Abruzzo possano finalmente fruire di un collegamento ferroviario quanto più possibile similare alle linee di alta velocità, nel rispetto di un ambiente straordinariamente montuoso che è quello della nostra meravigliosa regione dei Parchi”.

Ulteriori soddisfazioni riguardano il comparto degli investimenti stradali di Anas che così commentano: “ereditando un piano programmatico in cui per l’Abruzzo erano previsti zero appostamenti in bilancio per le annualità 2017, 2018 e 2019 ora spuntano oltre 180 milioni di euro per gli interventi di Anas previsti nelle annualità 2020 e 2021 ed altri 137milioni circa oltre il 2021”.

Un piano in cui sono programmati interventi per l’adeguamento e messa in sicurezza delle strade abruzzesi, per il completamento di itinerari e l’avvio di nuove opere. “Tra queste vogliamo ricordare: gli oltre 81milioni di euro utili alla messa in sicurezza della SS.17 dell’Appennino Abruzzese sul tronco Antrodoco-Navelli per i quali è prevista l’appaltabilità al 2021; per il completamento degli itinerari appaltabili immediatamente al 2020 abbiamo i lavori sulla SS. 80 del Gran Sasso D’Italia, sezione 4° lotto della tratta stradale Teramo – Mare che interessa Mosciano Sant’Angelo e Giulianova (importo intervento oltre 182mlioni di euro); nel 2021 saranno appaltati i lavori riguardanti il prolungamento dell’asse attrezzato di Pescara (costo complessivo dell’opera 15milioni di euro) e nuove opere su Vasto sud – San Salvo Marina (87milioni di euro); nell’annualità 2022 vedremo inoltre i lavori di completamento degli itinerari sulla SS. 684 tangenziale sud L’Aquila (variante sud dell’abitato di L’Aquila) finanziati per oltre 3milioni di euro, e infine altri stanziamenti permetteranno il completamento sulla SS.17
dell’Appennino abruzzese ed Appulo-Sannitico (adeguamento strada Mausonia e collegamento tra Bazzano e San Gregorio).

Insomma un quadro di considerazione concreta per la Regione Abruzzo quello richiesto dalla due rappresentanti del Movimento 5 Stelle, al quale sono da aggiungere i lavori di manutenzione straordinaria e miglioramento sismico del Viadotto Eremita sulla SS.17 dell’Appennino Abruzzese (che procedono a passo spedito sotto l’occhio vigile di coloro che la percorrono giornalmente), e l’attenzione che stanno ponendo alla grande opera incompiuta della pedemontana Marche Abruzzo, in particolare nel tratto teramano di Canzano-Bisenti. “Proprio su questo tratto abbiamo già da tempo avviato un’interlocuzione con il CIPE e con Regione Abruzzo, contando anche sulla solerzia del Senatore Mauro Coltorti, presidente della commissione Lavori Pubblici del Senato. Confidiamo che venga sbloccata e terminata un’infrastruttura al più presto poiché, siamo certe, contribuirà allo sviluppo delle aree interne interessate dal terremoto e dall’annoso fenomeno dello spopolamento”, così concludono la senatrice Di Girolamo e
la deputata Grippa.

Articoli più letti

Ultimi articoli