The news is by your side.

Arrivano all’Aquila 4 nuovi autobus per Ama, Biondi e Mannetti: mezzi ecologici di ultima generazione

64

L’Aquila. Quattro nuovi autobus ecologici, moderni e confortevoli viaggeranno presto sulle strade della città e del suo territorio. Il Comune dell’Aquila ha consegnato quest’oggi tre mezzi, il quarto sarà assegnato mercoledì, ad Ama, l’azienda aquilana per la mobilità. Si tratta di veicoli modello Bmc Neo 1000, tutti euro 6 e di una lunghezza che sfiora gli undici metri, per un costo complessivo che ammonta a 804 mila euro: le risorse con cui è stato possibile procedere all’acquisto sono quelle che l’ente comunale ha reperito nell’ambito del progetto di sviluppo urbano sostenibile (Sus).

“In meno di due anni questa amministrazione ha messo a disposizione della sua comunità un autobus elettrico, il primo in Abruzzo, e quattro con motorizzazione diesel di ultima generazione. Vi sarà, inoltre, un risparmio per le casse dell’azienda di oltre quindicimila euro, tra riduzione dei costi per gasolio e accise, manutenzione e acquisto pezzi di ricambio”, hanno spiegato il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e l’assessore alla Mobilità, Carla Mannetti, “entro la fine dell’anno, inoltre, arriveranno altri tre bus elettrici, ai quali se ne aggiungeranno ulteriori sei nel 2020”.

“Il Comune”, spiegano il primo cittadino e l’assessore, “sta mantenendo gli impegni presi con Ama per il rinnovo del parco rotabile e la giunta ha approvato lo studio sui costi standard per l’adeguamento del contratto di servizio ed il Piano economico finanziario simulato, che detterà la linea sui prossimi passi da compiere in un settore, come quello della mobilità, strategico per lo sviluppo di questa terra”.

“Lo sforzo della maggioranza e dell’assessorato alla mobilità per rendere ancor più efficiente e dinamica l’azienda di trasporto cittadino è massimo”, precisa e conclude l’assessore Mannetti, “siamo certi, al contempo, che i vertici societari Ama indicheranno come intendono procedere rispetto alle istanze avanzate dal Comune, soprattutto in riferimento al piano di razionalizzazione della spesa,  le cui linee guida sono state concordate già da tempo”.

Articoli più letti

Ultimi articoli