The news is by your side.

Angelini finisce a processo per un sarcofago antico oggetto di scavi clandestini ed illeciti

35

Chieti. Un sarcofago di marmo di epoca romana ha mandato sotto processo Vincenzo Angelini, imprenditore della sanità privata abruzzese, già condannato per bancarotta. E che nel caso del sarcofago ‘paga’ soprattutto per la sua passione per i beni di pregio quanto costosi, dai mobili ai quadri ai sigari. Il sarcofago è fra i beni dell’ingente patrimonio personale che ad Angelini venne sequestrato dopo la dichiarazione di fallimento delle sue società che formavano la galassia Villa Pini, a metà del 2010: un bene che come gli altri della sua collezione era finito in una vendita all’asta.

Ma a bloccare l’operazione intervenne la Soprintendenza per i Beni archeologici di Chieti e così la Procura della Repubblica di Roma fece sequestrare il sarcofago che era custodito a custodito in un centro orafo: contestando ad Angelini l’accusa di ricettazione, poiché il bene, che l’imprenditore aveva acquisito da un privati, sarebbe oggetto di scavi clandestini ed illeciti e per aver conservato per sé il reperto archeologico, non consentendo all’autorità amministrativa di compiere gli opportuni accertamenti. Accuse che sono costate ad Angelini un decreto di citazione diretta a giudizio davanti ai giudici della Capitale.

Articoli più letti

Ultimi articoli